Anya ha quattordici anni, è figlia di immigrati, ha pochi amici e una cotta per il ragazzo più affascinante della scuola. Un’adolescente come molte altre, che si sente fuori luogo per il suo fisico sovrappeso e per la madre troppo legata alle tradizioni… ma un giorno nella sua vita subentra un’amica decisamente particolare. Vagando nel bosco la studentessa precipita in un pozzo, dove trova lo spirito di Emily, una bambina che ha perso la vita cadendo lì sotto molti anni prima. Anya porta con sé in superficie il fantasma e le due stabiliscono un legame di sostegno reciproco: Anya ora ha un’assistente invisibile e incorporea che a scuola le può procurare le risposte delle verifiche, mentre Emily può tornare a sentirsi viva scoprendo i vestiti femminili di moda e seguendo le vicende amorose della sua compagna.

Svelare di più della trama rovinerebbe la lettura, perché il pregio principale di Anya e il suo fantasma è la storia, in grado di sorprendere a più riprese il lettore percorrendo strade sempre nuove: non si tratta però di una sequenza di colpi di scena sensazionali, ma di una costante evoluzione della vicenda e dei personaggi che mantiene sempre viva l’attenzione.
Quello che parte come un leggero racconto ambientato tra i banchi di scuola e incentrato soprattutto su tematiche adolescenziali, spazia rapidamente tra i generi assumendo tinte più cupe: in quali condizioni è deceduta la povera Emily?
L’indagine sposterà il peso della bilancia da un piano quotidiano a uno più paranormale, accompagnando il lettore attraverso sviluppi inaspettati.

Sulla copertina dell’edizione BAO Publishing campeggia la citazione di Neil Gaiman “È un capolavoro.” e non possiamo che concordare con la valutazione dell’autore inglese, del cui stile si possono ritrovare alcuni echi in questo fumetto.  Non è un parallelismo senza fondamento,visto che nella carriera di Vera Brosgol c’è anche lo storyboard del film animato di Coraline, tratto dal romanzo di Gaiman. L’autrice dimostra in questa sua prima graphic novel un grande talento nella scrittura per giovani adulti (l’opera le è valsa anche un Eisner Award e un Harvey Award) con un racconto permeato da un umanità e un sense of wonder che può catturare un pubblico di diverse età. Graficamente lo stile è stilizzato e cartoonesco, molto piacevole da osservare e funzionale nel trasmettere con immediatezza le differenti sfaccettature del racconto.

Anya e il suo fantasma è una piccola storia che diverte, incanta e tiene col fiato sospeso il lettore. Oltre alla qualità stessa dell’opera, ha il valore aggiunto di rivolgersi a quel pubblico dall'”età di mezzo” che sempre più editori cercano di attirare con grandi saghe librarie… Se conoscete qualche adolescente da avvicinare alla lettura, tra un apprendista mago e giochi mortali, provate a suggerirgli questo volume, per dimostrargli che anche i fumetti possono accendere la sua fantasia.
E poi magari fatevelo prestare, di sicuro vi conquisterà.