X-Force #1, anteprima 01

Charles Xavier aveva un sogno: creare un mondo in cui umani e mutanti potessero coesistere in pace. Quel sogno non è mai divenuto realtà, e oggi gli X-Men seguono una via tutta nuova e tutta differente tracciata dal loro mentore sulle sponde di Krakoa, l’isola senziente su cui, insieme a Magneto e Moira MacTaggert, ha fondato una vera e propria nazione. La rivoluzione dello status quo mutante è stata innescata dalle miniserie House of X e Powers of X, scritte da Jonathan Hickman, e ora prosegue sulle pagine delle quattro serie Marvel targate Dawn of X, l’ultima delle quali a esordire è X-Force.

Il mensile scritto da Benjamin Percy per i disegni di Joshua Cassara segue le vicende di quella che a tutti gli effetti è l’agenzia governativa della neonata nazione. Il Professor X e Magneto hanno forzato la mano in termini diplomatici, finendo per scatenare le ire degli altri Paesi e svariate organizzazioni che non accettano il nuovo predominio dell’Homo Superior. Maggiore è la visibilità, maggiore è la portata delle minacce che incombono su Krakoa, e sulle pagine di X-Force 1 realizziamo cosa comporti tutto ciò. Ecco perché non si può prescindere dalla “C.I.A. dei mutanti”, come l’ha definita lo stesso Percy in più di un’intervista.

 

 

Sin dall’incipit è evidente che la serie si presenti come quella più cupa e violenta della prima ondata di Dawn of X. In maniera analoga a New Mutants, si respirano atmosfere familiari a chi ha letto le storie delle precedenti iterazioni del gruppo, ma in questo caso accanto a personaggi dai metodi decisamente risoluti come Wolverine, Black Tom Cassidy, Sage e Domino ne troviamo altri meno propensi alla violenza, come Bestia e Jean Grey. Le dinamiche che si vengono a creare in virtù di questo dualismo sono certamente intriganti, così come la questione etica di fondo: agire al di fuori delle regole o rispettare i dettami di Xavier? In tal senso, risulta emblematica la sequenza iniziale con protagonisti Logan e McCoy, che rappresentano perfettamente i due approcci del gruppo.

“Ci troviamo di fronte all’esordio più solido ed emozionante tra quelli targati Dawn of X.”Nonostante ciò, a livello d’impostazione X-Force si avvicina alla serie dedicata ai Nuovi Mutanti anche per un altro aspetto: la narrazione è focalizzata più sul portare avanti la trama piuttosto che approfondire i suoi protagonisti, a differenza di quanto visto nelle prime battute di X-Men e Marauders. Di contro, in perfetta continuità con il lavoro di Hickman, Percy prende in considerazione gli aspetti più brutali che si celano dietro l’utopia mutante per mostrarci l’altra faccia di Krakoa.

Senza dubbio ci troviamo di fronte all’esordio più solido ed emozionante tra quelli targati Dawn of X, una lettura convincente, ricca di thrilling e azione. Gran parte del merito va all’ottima prestazione di Cassara al tavolo da disegno: il suo tratto pastoso quanto dinamico aggiunge ulteriori suggestioni al racconto, così come le opprimenti colorazioni di Dean White alimentano la sensazione di ritrovarci in un contesto angosciante. I toni sono quelli drammatici di un romanzo spionistico ma traslati nel rinnovato contesto dei Figli dell’Atomo, cosa che in questo primo numero sfocia in un finale a dir poco sconvolgente.