I lettori italiani hanno conosciuto JP Ahonen grazie a Belzebubs, divertentissimo webcomic – raccolto in volume da Edizioni BD – che segue le vicende dei membri dell’omonimo gruppo black metal. In precedenza, però, il fumettista finlandese aveva firmato insieme all’amico d’infanzia KP Alare una graphic novelPerkeros, in cui, manco a dirlo, i protagonisti Akseli, Lilja, Kervinen e Orso fanno parte di una band.

Varchiamo la porta del sacro tempio della sala prove e seguiamo da vicino le vicissitudini degli aspiranti musicisti alle prese con le prime recensioni negative e la necessità di trovare un cantante che non si limiti a “fare gargarismi con purè bollente”. Leggendo queste pagine tornano alla mente gli aneddoti e le suggestioni che scaturiscono da Il ritmo della sala prove, celebre traccia di Elio e le storie tese.

 

Perkeros, anteprima 02

 

La costruzione dei personaggi va a incastonarsi perfettamente nella struttura di quest’opera accattivante. Ognuno di loro incarna inoltre un topoi del metal, cosa che ci permette di familiarizzare in breve tempo con l’intero cast: dal cantante squattrinato incapace di sostenere lo stress di un’esibizione live al bassista hippy cresciuto con la musica degli anni Settanta, dal batterista scontroso (letteralmente un orso) al tastierista, motore e nucleo centrale del gruppo.

“Attingendo a piene mani da un background fatto di musica metal, film horror e letture mistiche, Ahonen dà vita a una graphic novel sorprendente e ricca di sfumature.”Perkeros propone inizialmente pagine cariche di ironia che scaldano il cuore tramite una dimensione da sit-com a tema musicale, ma alcuni suoi elementi all’apparenza slegati tra loro finiscono in seguito per ricongiungersi e imprimere al racconto una violenta sterzata. A quel punto ci ritroviamo di fronte un thriller esoterico ambientato nei boschi scandinavi, tra atmosfere dark, demoni e vittime sacrificali. Il cambio di atmosfera è talmente repentino da risultare spiazzante, ma finisce per conferire una maggior attrattiva all’insieme.

Attingendo a piene mani da un background fatto di musica metal, film horror e letture mistiche, Ahonen dà vita a una graphic novel sorprendente e ricca di sfumature. Se nelle prime battute l’autore attira a lui il lettore tramite un contesto accogliente e un linguaggio confidenziale, in seguito lo conduce lungo un sentiero inquietante da cui sembra non esserci via d’uscita; una trasformazione ben orchestrata che va di pari passo con il percorso di crescita dei protagonisti. Akseli, in particolare, sarà costretto a fare delle scelte molto dolorose sotto il profilo umano.

La componente artistica è di prima qualità e contribuisce a rendere Perkeros una lettura molto godibile. Dimenticate lo stile minimalista di Belzebubs: tra queste pagine le vignette sono ricche di dettagli al fine di veicolare al meglio una vicenda affascinante, dalla natura mutevole. Il tratto morbido di Ahonen abbraccia soluzioni cartoony che non stonano affatto con i contenuti del fumetto, anzi: li esaltano caricando l’espressività dei suoi protagonisti.

 

 

Consigliati dalla redazione