Quando si parla di scrittura per bambini, la tendenza da parte dei lettori occasionali è quella di collocare l’intera produzione letteraria (sia essa in prosa, illustrata o a fumetti) all’interno dello stesso ideale contenitore, senza alcuna distinzione. Ovviamente, il discorso è molto più complesso di così, e una discriminante fondamentale nella realizzazione di prodotti destinati ai più piccoli è, ad esempio, l’età del destinatario. Suddividendo la proposta editoriale in diverse fasce – come 3/5, 6/8, 9/11 o 12/14 anni – è possibile andare a scavare in tutte le fasi della crescita del giovane lettore, fino all’adolescenza (e volendo anche oltre), elaborando delle narrazioni su misura che seguano di pari passo il suo apprendimento.

“Storie brevi con immagini chiare, testi essenziali e contenuti sempre ben leggibili.”In tal senso, anche le case editrici di fumetti italiane hanno differenziato la loro proposta varando delle linee editoriali con delle storie ad hoc, coerenti tra loro per temi e formato. Tra queste realtà c’è BAO Publishing, che ha suddiviso la propria linea per l’infanzia BaBAO in più livelli, ognuno legato a una specifica età del lettore.

Presentato al recente Comicon 2019, Palla Rossa e Palla Blu rotolano ancora, di Maicol & Mirco, è un ottimo esempio di progetto BaBAO di livello 1: storie brevi con immagini chiare, testi essenziali e contenuti sempre ben leggibili. Come nel caso del volume precedente della serie, anche in questa occasione ogni racconto ruota attorno allo stesso tema: l’amicizia intesa come ponte per andare oltre l’apparenza e vivere le possibili differenze come motore di crescita personale e collettiva.

Oggi, Michael Rocchetti è probabilmente l’autore di fumetti più trasversale all’opera in Italia. Che sia tramite degli Scarabocchi o le geometrie colorate che popolano questo volume, i suoi fumetti parlano con semplicità e schiettezza a un pubblico di tutte le età, dai quattro ai novantanove anni.

Ed è proprio questo ciò che colpisce di Palla Rossa e Palla Blu rotolano ancora: quando sembrava quasi scontato che i due amici per la pelle avessero ormai raccontato ogni aspetto del loro profondo legame, una nuova collezione di storie dagli argomenti più complessi e maturi (come i terremoti e i funerali) porta all’attenzione dei due un’inedita sfumatura di emozioni, mostrando loro che la bellezza e la felicità possono essere trovate in tutto, se si sa dove cercarle.

“Un ponte ideale tra le esplosioni di colori con cui veniamo bombardati oggigiorno e il ritmo rilassato dei libri che i bimbi leggevano negli anni Cinquanta e Sessanta.”Grazie ai colori sgargianti e al formato quadrato, il cartonato pubblicato dalla casa editrice milanese rappresenta un prodotto a metà tra il classico libro illustrato e quei giochi per bambini in cui i personaggi sono stampati su singole carte da combinare per costruire una narrazione.

Con un approccio molto simile a quello di Le Carte di Propp, l’autore introduce la componente ludica dosando al meglio i tempi e offrendo ai bambini il giusto respiro per recepire quanto svolto dai personaggi. In più, il formato modulare delle storie offre la possibilità di passare da una sequenza all’altra senza soluzione di continuità.

In un mondo fatto di sovrastimolazioni visive e auditive, il rigore formale rappresentato dalle tinte piatte e dai silenzi che accompagnano le avventure di Palla Rossa e Palla Blu è una valida riscrittura dei canoni propri dei prodotti per bambini: un ponte ideale tra le esplosioni di colori con cui veniamo bombardati oggigiorno e il ritmo rilassato dei libri che i bimbi leggevano negli anni Cinquanta e Sessanta.

 

Consigliati dalla redazione