Exiles #1, anteprima 01

Ancora una volta, il multiverso è in pericolo, minacciato da un Divora-Tempo che sta spegnendo ogni passato e futuro possibile. Tocca agli Exiles provare ad arrestare il pericolo che incombe su tutte le realtà esistenti.

Grazie all’estro dello scrittore Saladin Ahmed (Miles Morales: Spider-Man) e alle splendide tavole di Javier Rodriguez (Spider-Woman) e Rod Reis (Secret Empire), arrivano le nuove esaltanti imprese del gruppo di “esiliati” capitanati da Blink, l’amatissima sopravvissuta dell’Era di Apocalisse.

Ad accompagnare la mutante teleporta in questa – è proprio il caso di dirlo – lotta contro il tempo, dei compagni di viaggio pescati dai punti più disparati del Multiverso Marvel: Iron Lad (ex Young Avengers), la potente Valchiria (versione cartacea del personaggio visto nel film Thor: Ragnarok), una Ms. Marvel invecchiata e scontrosa (meglio chiamarla con il suo nome, Kamala Khan, per evitare problemi) e il dolcissimo Wolvie degli X-Babies. A imbeccarli, nientemeno che l’Invisibile, l’originale Nick Fury nel ruolo che ricopre dal finale di Original Sin.

Riprendendo il personaggio cardine della serie originale, creata nel 2001 da Judd Winick e Mike McKone, Ahmed imbastisce la più classica delle avventure a spasso per le dimensioni introducendo intriganti personaggi e giocando abilmente con frequenti cambi di tono.

A dire il vero, nei suoi primi capitoli la vicenda è un po’ farraginosa, appesantita dalla necessità di presentare al pubblico tutti i protagonisti; non è l’unico difetto, dato che lo spunto iniziale dell’arco narrativo viene proposto più volte, rendendo alcuni segmenti ridondanti. Una volta gettate le basi e assoldati i membri del team, però, lo scrittore di Freccia Nera riesce a imprimere una forte accelerazione alla storia, conducendo gli Exiles in situazioni al limite dell’assurdo.

Exiles #1, anteprima 02

Indubbiamente, quest’ultimo aspetto è il vero punto forza del brossurato: torniamo a respirare atmosfere vicine a quelle dei What If…? con cui, grazie a sviluppi bizzarri, potevamo leggere storie popolate da realtà inedite e personaggi straordinari; ma le avventure raccontate da questa serie colpiscono nel segno grazie anche alle suggestioni figlie della tradizione degli X-Men.

Tra easter egg, dialoghi divertenti e colpi di scena, trovano posto momenti in cui i toni si fanno più seri e il ritmo cala per scavare nell’animo dei personaggi; il tutto è gestito brillantemente dallo scrittore di Magnificent Ms. Marvel, che, libero da ogni vincolo di continuity, si diverte – e ci fa divertire – lasciando galoppare la fantasia tra molteplici varianti di mondi ed eroi, finendo persino per mescolare alcuni di loro.

Vista la gran quantità di ambientazioni e interpreti, il compito di Rodriguez e Reis era tutt’altro che semplice, eppure i due hanno superato brillantemente la prova: il primo sfruttando una costruzione della tavola originale e un grande dinamismo; il secondo impressionando con uno stile realistico espressivo e ammaliante. Il risultato è una perfetta fusione tra artisti molto diversi tra loro ma di grande valore.

Il volume proposto da Panini Comics raccoglie i primi sei numeri originali della serie che negli Stati Uniti ha chiuso i battenti dopo la pubblicazione della dodicesima uscita; sfogliando queste pagine il rammarico è grande. Attendiamo la pubblicazione del secondo e ultimo brossurato, nella speranza che un domani gli Exiles possano fare ritorno vantando firme di questo calibro.

 

 

Consigliati dalla redazione