Bloodshot Salvation #6, anteprima 01

La nascita di un figlio ti stravolge completamente la vita. Non parliamo solo di notti insonni, pannolini e ciucciotti: l’arrivo di un pargolo offre a un genitore una prospettiva diversa, una scala di valori inedita con la quale riordinare le proprie priorità. Ne sa qualcosa Ray Garrison, il letale soldato dotato di naniti noto come Bloodshot, divenuto papà con l’avvento della piccola Jessie.

Purtroppo, la genitorialità e l’essere ripartito con Magic non hanno sconfitto il demone che divora l’anima del Nostro: la sua natura autolesionista emerge prepotente e lo porta a prendere decisioni quasi sempre sbagliate. D’altronde, se tua figlia sta morendo a causa di un virus che le hai trasmesso, non puoi andare troppo per il sottile. Affiancato da Shadowman e dal fido Bloodhound, Ray è dunque pronto a intraprendere un viaggio nel regno dei morti, disposto a tutto pur di salvare Jessie.

Continua l’avvincente epopea dell’arma vivente perfetta con la pubblicazione del secondo volume di Bloodshot Salvation. Saldo alla guida della serie Valiant, Jeff Lemire, autore che sta legando sempre più il suo nome a quello del personaggio: dopo averlo condotto attraverso un travagliato percorso di purificazione e rinascita sulle pagine di Bloodshot Reborn, lo scrittore canadese ha operato importanti variazioni dello status quo – l’iniziale perdita dei naniti, l’essere diventato marito e padre – lasciando invariato il suo approccio alla narrazione.

Come è solito fare, Lemire si è concentrato maggiormente sulla psicologia del protagonista, in particolare l’essere stato per anni un’arma nelle mani del governo centrale; scandagliando gli angoli più nascosti della psiche di Ray, lo sceneggiatore di Descender e Royal City ha svolto un attento lavoro introspettivo volto a lasciar emergerne l’umanità mutilata e nascosta. Conferendogli una profondità inedita, Lemire ci ha mostrato sotto una nuova luce il soldato dalla pelle bianca, capace di svincolarsi dalle canoniche atmosfere spionistiche e dagli scenari di guerra per abbracciare una varietà di generi accattivante.

Bloodshot Salvation #6, anteprima 02

In questo nuovo appuntamento, intitolato Il libro dei morti, Bloodshot viene catapultato in ambientazioni mistiche ed esoteriche decisamente ammalianti, in cui il “rientrante” Shadowman recita la parte dell’anfitrione. La tensione che accompagna le diverse fasi del racconto è palpabile; soprattutto nel secondo capitolo, quando la narrazione è affidata solo a balloon e onomatopee in tavole completamente nere. L’espediente adottato risulta vincente e ci porta a vivere in prima persona l’immersione in un contesto privo di riferimenti, pieno di pericoli pronti a colpirci alle spalle. La vicenda diventa sempre più coinvolgente, fino a raggiungere il suo climax nelle battute finali, dove le diverse linee temporali si ricollegano dispiegandone la chiave di volta.

Le intense sequenze di questo volume sono rese brillantemente da Renato Guedes. Lo stile realistico dell’artista brasiliano sublima in splendide tavole sia le suggestioni orrorifiche del mondo ultraterreno che la tensione crescente nella ricerca di una soluzione al male della figlia di Ray. Sebbene in alcuni frangenti le sue anatomie risultino troppo rigide, la resa generale è più che positiva, cosa che contribuisce a mantenere elevato lo standard qualitativo della serie.

Pur cambiando continuamente pelle, Bloodshot Salvation si dimostra un’opera magnetica e affascinante per la maniera in cui continua a mostrarci le molteplici sfaccettature del suo protagonista.

 

 

Consigliati dalla redazione