Shaolin Cowboy: Chi fermerà il Regno?, anteprima 01

La vendetta può segnare indelebilmente una persona, offuscandogli la mente e spingendola a compiere crimini efferati, ma perseguire e raggiungere la rivalsa è l’unico modo, in determinati casi, per trovare la pace. Il Re Granchio, ad esempio, sogna da anni il momento in cui riuscirà a uccidere l’uomo che ha cambiato per sempre la sua esistenza, e, come lui, anche Kong – enorme scrofa a capo della malavita di Palinsbush – necessita di mettere a tacere una vocina interiore eliminando chi ha massacrato sua madre. Il destino ha voluto che entrambi fossero sulle tracce di Shaolin Cowboy, la star del fumetto ultraviolento e iperdettagliato di Geof Darrow.

La terza storia del personaggio ad arrivare in Italia è Chi fermerà il regno?, presentata da Panini Comics nella collana 100% HD in un volume cartonato. La vicenda è ambientata in un presente non così diverso dal nostro, una realtà in cui la popolazione sembra inebetita dagli smartphone e animata da pulsioni perverse e violente. Dopo aver respinto l’attacco di un esercito di zombi, il protagonista parte per un’avventura itinerante attraverso la periferia americana, dove dovrà affrontare minacce di ogni sorta e tener testa agli uomini di Re Granchio, ai Vendicanti e all’imponente Kong.

Il soggetto poggia su un’idea molto semplice, cosa che offre a Darrow la possibilità di imbastire un racconto incentrato prevalentemente sull’azione. Il ritmo incalzante degli eventi, il crescente pathos e l’alternanza di situazioni demenziali quanto brutali crea un mix esplosivo in grado di conquistare il lettore con il suo incidere travolgente.

Sebbene cruento e denso di azione, questo fumetto non disdegna un attacco alla società americana contemporanea, fotografata in maniera distorta e spesso eccessiva. Il parossismo è funzionale: permette una critica puntuta ai rapporti morbosi con la tecnologia, oltre che alle paure e alle fobie di un popolo preda del consumismo; allo stesso tempo, conferisce al racconto un tono grottesco che diverte.

Shaolin Cowboy: Chi fermerà il Regno?, anteprima 01

Emblematico, in tal senso, è l’utilizzo degli animali parlanti: un crostaceo e un suino a capo di due organizzazioni criminali. Tale scelta, che a una prima lettura può far pensare a una svolta animalista, è in realtà un semplice pretesto per condurre la narrazione sul campo dell’assurdo. La ridondanza con la quale questi aspetti vengono riproposti, inoltre, tradisce la vera anima della miniserie: tutto perde di valore, non c’è critica che regga di fronte all’esigenza di realizzare intense sequenze panoramiche grondanti sangue.

Questo è il vero punto di forza dell’opera: l’arte di Darrow. Ogni aspetto della tavola è curato fino al minimo dettaglio, così da rendere superflua ogni didascalia o balloon e imprimere un ritmo elevato al racconto. I volti e le posture vengono trattati alla stregua dei particolari più piccoli della facciata di una palazzina fatiscente, a definire pagine di altissima qualità artistica, ulteriormente valorizzate dai colori di Dave Stewart.

Lo stile di Darrow è fortemente debitore della bande dessinée, e l’influenza di un maestro quale Jean “Moebius” Giraud – a cui è dedicato il volume – è evidente, ma non va a inficiare l’originalità dell’opera. Le soluzioni visive adottate, il taglio cinematografico delle inquadrature e lo storytelling ispirato vengono infatti rilette tramite una sensibilità e un gusto tipicamente americano, volto a esaltare soprattutto la componente più splatter, con sventramenti, amputazioni e decapitazioni.

L’ennesimo elettrizzante capitolo di un’epopea affascinante. Amitoufu!

 

Consigliati dalla redazione