Dylan Dog - Nel Mistero, anteprima 01

Lo scorso 29 novembre è arrivata in edicola la nuova, attesissima storia firmata da Tiziano Sclavi, Nel mistero, la seconda da quando è tornato a scrivere per Dylan Dog; presentata in anteprima a Lucca Comics & Games 2017 in versione deluxe, solo con questo albo entra a tutti gli effetti a far parte della serie regolare dell’Indagatore dell’Incubo.

Inevitabile e dovuto il confronto con Dopo un lungo silenzio, pubblicata appena un anno prima: ci troviamo ad avere a che fare con due albi totalmente differenti, in cui le rispettive copertine si propongono come chiave di lettura di tale diversità. Il bianco integrale – che tra le varie funzioni doveva alimentare la giusta aspettativa senza svelare nulla dei contenuti – ha lasciato il posto a una splendida e variopinta immagine di Gigi Cavenago. L’illustrazione dell’artista milanese coglie pienamente l’atmosfera espressa dal nuovo racconto di Sclavi.

Tanto basta ai fan di vecchia data per capire che siamo di fronte a un tipico soggetto del suo autore. L’intramontabile angoscia esistenziale in continuo bilico tra leggerezza e gravità della vita, ci viene riproposta in un delizioso rompicapo noir, dalle immancabili sfumature splatter. Se Dopo un lungo silenzio era parso un episodio quasi di rottura nella continuità narrativa dylaniata di Sclavi, Nel mistero ci riporta a temi e situazioni più classici e abituali.

Dylan Dog: Nel Mistero, anteprima 02

Questo irresistibile sapore vintage, tuttavia, ha un prezzo, come ben sa chi conosce dal 1986 il rivoluzionario titolo horror di Sergio Bonelli Editore. Dopo averci servito l’ennesima, magistrale sceneggiatura e un Groucho coi fiocchi, il conto da saldare ci viene servito alla fine, nella prevedibilità della soluzione e nella ripetitività del nichilismo raccolto nella chiusa scientifica delle ultime pagine. I sintomi, riscontrabili solo a posteriori, erano presenti lungo tutta la trama, nascosti nelle strofe in rima – un vezzo, una trovata di Sclavi che ha fatto scuola – ispirate alle opere del pittore tedesco Hans Holbein il Giovane.

 

L’opposizione delle copertine di Dopo un lungo silenzio e di Nel mistero si riflette pienamente anche nella parte grafica, che può trovare un unico punto in comune nella grandezza dei nomi dei disegnatori. La matita è passata come un testimone dalle mano di Giampiero Casertano a quella di un altro immenso interprete del personaggio, Angelo Stano, ma i chiaroscuri sono stati sostituiti dai colori di Giovanna Niro, qui artefice di una prova straordinaria.

Sono senza dubbio le tavole l’elemento più stupefacente di questo fumetto, di cui possiamo citare ad esempio la vibrante e iper-dinamica vignetta unica di pagina settantatré: la sintesi di un connubio perfetto tra Stano e la Niro, una dimostrazione di qualità espressiva e poetica che restituisce Nel mistero alla modernità dei nostri giorni.