È arrivato ieri sugli scaffali americani il primo numero di TMNT: The Last Ronin, una storia delle Tartarughe Ninja ideata dai creatori della serie Kevin Eastman e Peter Laird all’inizio della serie e rimasta in un cassetto per decenni. L’avventura è ambientata in un futuro distopico nel quale una sola Tartaruga è sopravvissuta e vuole vendicare la morte dei propri compagni.

 

Leggi anche TMNT: primo sguardo a The Last Ronin, la storia inedita scritta 30 anni fa

 

Questa la sinossi ufficiale diffusa dalla casa editrice IDW Publishing:

 

È l’evento TMNT del 2020! Dalle menti dei creatori della serie, Kevin Eastman e Peter Laird, arriva la storia più epica che abbiate mai visto!

In una New York del futuro molto diversa da quella che conosciamo oggi, una solitaria Tartaruga sopravvissuta intraprende una missione apparentemente senza speranza, con l’obiettivo di fare giustizia alla sua famiglia e agli amici caduti. Gli storyboard dinamici di Eastman, le chine di Esau e Isaac Escorza e un’emozionante sceneggiatura ricca di sorprese scritta da da Tom Waltz si combinano rendendo questa storia una delle più memorabili delle TMNT che voi abbiate mai letto! Gli albi avranno un formato maggiore e più pagine del solito, per un indimenticabile racconto che non potete perdervi!

 

Per tutta la campagna promozionale, l’identità della Tartaruga è rimasta misteriosa, complice il fatto che nei fumetti il quartetto di combattenti indossa fasce nere sugli occhi, a differenza delle serie animate e dei film dove ognuno è caratterizzato da un colore diverso. Già il primo numero si conclude con due colpi due di scena, tra i quali proprio la rivelazione di chi sia l’unica Tartaruga sopravvissuta nella Manhattan del futuro.

 

 

La Tartaruga non è l’unico volto noto presente nella serie: anche April O’Neill è ancora in azione, con qualche ruga in più ma la caratteristica chioma rossa. È lei a trarre in salvo il combattente misterioso e, al suo risveglio, lo chiama per nome: si tratta di Michelangelo. Il combattente con nunchaku era il principale indiziato da parte dei fan: essendo il membro della squadra più spensierato, in un’operazione con tinte particolarmente dark è quello che sorprende di più veder diventare cupo e assetato di vendetta. Mancano però ancora quattro numeri alla conclusione della miniserie, per cui siamo sicuri che le sorprese non siano finite qui.

 

 

Fonte: Bleeding Cool