Il prossimo 9 settembre, uscirà negli Stati Uniti Superman #25, albo di quarantotto pagine scritto da Brian Michael Bendis e disegnato da Ivan Reis, al ritorno sui personaggio. Come vi abbiamo già riportato in una precedente news, sulle pagine di quest’albo avremo modo di conoscere un nuovo villain, Synmar, che si aggiungerà alla mitologia dell’Uomo d’Acciaio.

 

 

Lo sceneggiatore di Clevelnad ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito all’esordio di questa nuova minaccia:

 

Bendis – Come sapete, tra poco uscirà Superman #25, un albo celebrativo. Quale miglior occasione per mettere un nuovo elemento nella scatola dei giochi di Superman, creare un nuovo avversario. Abbiamo pensato che sarebbe stato bello creare un nemico la cui mentalità fosse diversa da tutto ciò che Superman abbia mai visto sulla Terra, o con cui si sia mai relazionato. Si tratta di una figura non collegata in alcun modo a lui, quindi per affrontarlo dovrà azzerare tutto e ricominciare da capo con un approccio alternativo. Non solo, lo lanceremo nella mischia e vedremo cosa succede quando devi affrontare un avversario nella totale ignoranza. Quando non sai nulla di lui e non hai modo di comunicarci. Ho pensato che sarebbe stata una maniera stimolante di celebrare Superman, lasciando emergere quel che fa parte di lui e che gli altri supereroi non hanno. Inoltre, se il personaggio funzionerà, avremo creato un nuovo nemico di Superman.

 

Di seguito trovate la sinossi e la copertina di Superman #25:

 

Una nuova colossale minaccia per Superman, per il pianeta Terra, e per il DC Universe irrompe sulla scena in questo albo celebrativo con una foliazione extra! Questo incredibile guerriero chiamato Synmar è stato creato per rappresentare un’intera razza aliena. Si è allenato per tutta la vita, ma per quale scopo?  Come antitesi di tutto ciò che rappresenta Superman, Synmar è pronto a lanciare la sua aggressione alla Terra, per distruggere l’Uomo d’Acciaio e tutti gli esseri viventi del pianeta! Questo è ciò che Superman è nato per proteggere!

 

 

 

Fonte: Bleeding Cool