L’Universo Marvel è in costante evoluzione, e non ci riferiamo solo a quello fittizio, dove si muovono Spider-Man, X-Men e compagni: anche l’impero editoriale della Casa delle Idee è in vista di numerosi appuntamenti e sfide importanti che spaziano dai nuovi eventi delle pubblicazioni a fumetti alla fase successiva dell’Universo Cinematografico Marvel fino ai contenuti della ricca sezione dedicata della piattaforma Disney+. Per far fronte a queste sfide come attività è in corso una ristrutturazione ai piani alti dell’organigramma, che coinvolge soprattutto due nomi degni di nota del settore fumettistico: Joe Quesada e Stephen Wacker.

Il primo andrà a riempire nientemeno che il vuoto lasciato da Kevin Feige: mentre quest’ultimo passa a svolgere il ruolo di Chief Creative Officer della compagnia, l’artista di Daredevil assumerà la carica di Vice Presidente Esecutivo e Direttore creativo di Marvel Entertainment; tra i suoi impegni c’è anche quello che lo vedrà comparire in prima persona su Disney+ nel 2020 in Storyboards, una serie di interviste ai nomi prominenti del mondo del Fumetto e non solo.

Quesada era già stato Chief Creative Officer della Marvel a partire dal 2010, e in quel ruolo aveva supervisionato creativamente le varie divisioni, dai fumetti ai film, dalle serie TV a quelle animate, fino ai giochi e pubblicazioni di ogni genere.

 

 

Stephen Wacker riceve invece la carica di Vice Presidente, Capo dei contenuti e dei nuovi media. Wacker fungerà da produttore esecutivo per Marvel’s 616 e Marvel’s Hero Project, due produzioni destinate a Disney+; anche se non sono stati forniti i dettagli del suo nuovo ruolo, la nuova carica si aggiunge a quella di produttore di tutte le serie animate di Marvel Television.

Con un passato come Senior Editor sulle serie a fumetti a partire dal 2006 (il suo primo progetto è stato il rilancio di Spider-Man chiamano Un nuovo giorno), Wacker ha fatto carriera nella divisione Marvel’s Animation, di cui era diventato Vice Presidente dello sviluppo creativo e dei contenuti.

Avvicendamenti nei ruoli gestiti all’insegna della continuità e della contiguità tra universo fumettistico e televisivo che dimostrano come, anche a livello del personale coinvolto, il panorama del Fumetto supereroistico si riveli una riserva preziosa di talenti da cui attingere per le produzioni multimediali.

 

 

Fonti: Newsarama | Newsarama

 

Consigliati dalla redazione