Il prossimo personaggio ad apparire in versione 2099? Proviene direttamente da una delle ere più antiche in assoluto, quella Hyboriana. Lo sceneggiatore Gerry Duggan e l’editor Mark Basso hanno risposto ad alcune domande in merito a Conan the Barbarian 2099, speciale disegnato da Roge Antonio in uscita il prossimo 27 novembre negli Stati Uniti, che porterà il Cimmero nella più famose delle epoche futuribili della Marvel.

 

Conan 2099 #1, copertina di Geoff Shaw

Duggan – Ogni minaccia al regno di Conan è una scusa perfetta per espandere il suo personaggio. Ecco la gioia del progetto Conan the Barbarian 2099.

Basso – In tutte le sue versioni, Conan è un uomo costantemente in movimento che si lancia verso le opportunità ogni volta che le incontra. In questa storia ve lo presentiamo dopo la sua permanenza nell’età degli eroi della Marvel che ha raggiunto durante Avengers: Senza ritorno, durante la quale è riuscito comunque a diventare un re, come il destino gli impone. Il problema è che il mondo attorno a lui è cambiato moltissimo, e se certamente ha modo di proteggere le propria gente dagli invasori e dalle forze che lo minacciano, vedremo come lo stato del pianeta nel 2099 sia cambiato e non gli sia affatto favorevole. Nemmeno nel futuro, Conan verrà lasciato in pace dall’odiata magia.

Conan si è adattato al 2099 ma non è cambiato, se capite cosa intendo. Non può certamente amare un mondo di fatto dominato dalle corporation e dalla tecnologia, e vedendo il mondo avvelenato da ciò che gli uomini chiamano progresso farà quello che gli suggerisce la sua logica di sopravvivenza: prendere l’iniziativa. Il che lo metterà in pericolo a causa delle stesse forze che vedrete muoversi negli altri titoli targati 2099. E forse, anche in cattiva luce presso l’opinione pubblica.

Duggan – Non direi [che Conan si sia già adattato al presente Marvel]. Solo nell’ultimo numero di Savage Avengers ha avuto modo di vedere una nave con la carena di metallo per la prima volta e scoprire cosa sia una lampadina. Ha ancora un sacco di cose da imparare ed accettare, ma saranno tutte occasioni di crescere ulteriormente. Il futuro non è mai un pericolo per lui, solo un destino di cui appropriarsi.

 

 

 

Fonte: Marvel

 

Consigliati dalla redazione