Miracoli della condivisione dell’universo narrativo e della comunicazione interna di una major editoriale come la Marvel. Capita che, leggendo i redazionali di Captain Marvel #11, si incappi nell’inaspettato addio della disegnatrice Carmen Carnero e si ottengano informazioni utili per decifrare alcune fumose novità riguardanti il progetto Dawn of X, titolo che fa da cappello al parco testate con cui Jonathan Hickman e altri autori, a partire da oggi, rinnoveranno gli X-Men.

 

 

Proprio ieri vi abbiamo parlato di una nuova serie dedicata a Moira X, colei che per decenni abbiamo conosciuto con il nome di Moira MacTaggert, la cui importanza è aumentata vertiginosamente grazie alle miniserie House of X e Powers of X. Non ci sono certezze, ma c’è la possibilità che proprio la Carnero ne sia l’artista designata.

Ecco la lettera con cui l’artista saluta i lettori di Captain Marvel, oltre a un commento dell’editor della serie, Sarah Brunstad:

 

Carnero – Ehi, Carol Corps! Non è facile scrivere queste parole, ma almeno per ora termina il mio impegno su Captain Marvel. Quando la serie mi è stata offerta, per mia grande sorpresa, non avrei mai immaginato che avrebbe significato così tanto per me: lavorare in esclusiva per la Marvel, lanciare la mia prima serie in assoluto dal primo numero e poter disegnare uno dei personaggi più forti di questo universo narrativo. Grazie dal profondo del cuore per questa opportunità.

Il team creativo di questa serie è stato creato, letteralmente, con lo scopo di mettere Carol là dove merita di stare: nel novero dei più grandi eroi della Marvel. Abbiamo lavorato in maniera instancabile per ottenere questo risultato e posso solo ringraziare la squadra (Kelly, Tamra, Clayton, Sarah e Wil) per questa avventura incredibile. Il supporto che abbiamo ricevuto durante la serie è stato pazzesco.

Ogni singolo giorno ho ricevuto attestati di affetto per questa storia e spero di essere riuscita a restituire tutto l’amore che mi è arrivato, in queste 200 pagine. Non è un addio, ma un arrivederci. Spero a presto.

Brunstad – Non perdete di vista Carmen. Seguitela sulle pagine di X-Corp, la nuova serie del gruppo di testate che stanno ridefinendo gli X-Men. Il primo numero sarà in vendita il 2 febbraio.

 

Che X-Corp sia il progetto di cui parlava Hickman in questi giorni? Oppure dobbiamo pensare a un’ulteriore proliferazione di testate mutanti? Staremo a vedere.

X-Men #1, variant cover di Chris Bachalo

Un altro indizio interessante sta nel fatto che X-Corp non è un termine nuovo per i lettori dei Figli dell’Atomo: fu nella run di Joe Casey e Ron Garney su Uncanny X-Men che venne battezzato in questo modo un gruppo paramilitare di mutanti – poi divenuto una forza di intervento internazionale durante la gestione di Grant Morrison – guidato da Banshee. Caso vuole che proprio il signor Sean Cassidy sia stato il compagno, in un rapporto piuttosto tormentato, di Moira. Solo indizi, per ora, ma significativi.

Resta il fatto che non si è ancora fatto alcun nome per quanto riguarda le sceneggiature di questa nuova serie, né di quella su Moira. Certo è che Vita Ayala e Leah Williams sono state menzionate da Jordan D. White, senza ulteriori specifiche, nel contesto della seconda fase Dawn of X, e che pare ormai conclamato che l’editor delle testate mutanti e Hickman abbiano cercato di convincere un nome importante a tornare a scrivere per la Marvel: stiamo parlando di Kieron Gillen, che potrebbe firmare un progetto su Sinistro.

Sappiamo inoltre che Hickman ha deciso in corso d’opera di cambiare alcuni dettagli di Powers of X e House of X a causa dell’arrivo anticipato dello sceneggiatore o della sceneggiatrice che desiderava per le storie su Moira X.

Attualmente, l’unico titolo della seconda ondata di Dawn of X presentato con tutti i crismi è la nuova serie regolare di Wolverine.

 

Wolverine #1, copertina di Adam Kubert

 

 

Fonti: Newsarama | Aitp!

 

Consigliati dalla redazione