Nel corso di un’intervista rilasciata al sito Comicbook.com in occasione del Crunchyroll Expo, il mangaka Junji Ito ha commentato la sua recente vittoria agli Eisner Awards.

L’autore ha vinto il premio nella categoria Migliore adattamento da un altro medium per la sua versione a fumetti di Frankenstein, il romanzo di Mary Shelley, pubblicato negli Stati Uniti con il titolo Frankenstein: Junji Ito Story Collection da Viz Media e originariamente da Asahi Shinbunsha in Giappone.

A proposito del prestigioso riconoscimento, l’autore ha dichiarato:

 

Il premio Eisner non è così conosciuto in Giappone. Non ne sapevo molto io per primo. Poi, però, mi è stato detto che è davvero prestigioso e mi sono sentito onorato. Non ho mai vinto premi come questo, e aver ricevuto un riconoscimento americano chiamato Eisner Award mi fa sentire come se tutto il mio duro lavoro avesse dato i suoi frutti, e di questo sarò eternamente grato.

 

Con titoli come Gyo – Odore di morte o Remina – L’astro infernale, entrambi proposti in Italia da Star Comics, è inevitabile per il lettore rimanere impressionato.

Gli ultimi anni sono stati molto prolifici per l’autore, che ha ricevuto vari riconoscimenti e visto adattare diverse sue creazioni. Nel 2017 è stata proposta la serie anime Junji Ito Collection, che adatta alcune storie del mangaka ed è disponibile per il nostro Paese sul sito di streaming Crunchyroll.

 

 

Adult Swim, in collaborazione con il famoso studio d’animazione giapponese Production I.G, sta invece producendo una miniserie anime tratta dal celebre fumetto Uzumaki – Spirale (Star Comics), mentre Tomie (J-POP), un altro dei manga più amati di Ito, diventerà una serie live action diretta da Alexandre Aja, regista di Le colline hanno gli occhi.

Lo scorso agosto si è concluso Muma no Kiko, l’ultima fatica del maestro dell’horror, serializzata in Giappone dall’estate 2018 sulle pagine della rivista Nemuki Plus, edita da Asahi Shinbunsha.

 

Frankenstein: Junji Ito Story Collection

 

 

Fonte: Comicbook

 

Consigliati dalla redazione