Amazing Spider-Man #29, copertina di Ryan Ottley

Nei fumetti di super eroi sono rare le relazioni amorose davvero durature, e anche per questo il rapporto tra Peter Parker e Mary Jane Watson ha rappresentato per decenni una piacevole eccezione, in grado di scaldare il cuore dei lettori di Amazing Spider-Man e non solo.

Dopo aver celebrato il loro matrimonio negli anni Ottanta, i Parker si sono visti cancellare l’evento dal demone Mefisto nel tanto criticato crossover Soltanto un altro giorno (2007). A quel punto, dopo aver tragicamente perso il suo primo amore, Gwen Stacy, il nostro amichevole Arrampicamuri di quartiere si è visto privare anche della moglie.

In quest’ultimo periodo, però, lo scrittore Nick Spencer ha deciso di reintrodurre gradualmente Mary Jane nella vita di Peter: la nuova liaison tra i due ha fatto sperare sognare i lettori veterani, pronti con il riso in mano ad augurare nuovamente amore e prosperità agli (ex) sposi.

Purtroppo, però, i fiori d’arancio dovranno attendere, e sulle pagine di Amazing Spider-Man #29, uscito ieri negli Stati Uniti, scopriamo perché.

 

 

Questa volta, almeno apparentemente, non dovrebbe esserci lo zampino del diavolo, solo quello del destino baro: Mary Jane decide infatti di accettare un lavoro sulla West Coast, mentre Peter resterà a New York a causa della sua doppia vita, gli affetti e il suo impiego all’università. Si tratta in realtà di un lasso di tempo di soli due mesi, e sulle pagine di Amazing Mary Jane avremo modo di leggere le avventure in solitaria della rossa.

Eppure Peter prende particolarmente male questo arrivederci. Il motivo? Come potete vedere nella tavola sottostante, era pronto a chiedere a MJ di sposarlo, con tanto di anello a sancire la promessa!

Sembra proprio che questo matrimonio sia stato maledetto, o comunque che la famigerata sfortuna dei Parker ami particolarmente accanirsi su questo aspetto. Quel che emerge da tutto ciò è che la Marvel non appare intenzionata a tornare sui suoi passi, limitandosi a punzecchiare i lettori. In tal senso, il pensiero di Peter inserito nell’ultima didascalia, “Magari un altro giorno“, richiama il titolo della discussa storia che ha sancito la fine del matrimonio.

D’altronde, l’Editor-In-Chief C.B. Cebulski ha recentemente dichiarato che è Gwen il vero grande amore di Peter, mentre, qualche anno fa, Dan Slott si è detto certo che la Casa delle Idee non avrebbe mai fatto marcia indietro in merito alle nozze del Tessiragnatele.

In chiusura vi ricordiamo che Amazing Spider-Man #29 è disegnato dal nostro Francesco Manna, mentre la copertina è opera di Ryan Ottley. Presto lo leggeremo in Italia sulle pagine del quindicinale edito da Panini Comics.

 

 

 

 

Fonte: Bleeding Cool

 

Consigliati dalla redazione