The Dangerous chemistry of Gandra Dee! è l’episodio più supereroistico che DuckTales abbia proposto finora: Fenton riesce a ottenere un appuntamento con un’affascinante scienziata, ma la sua identità segreta dovrà entrare in azione… Scopriamo insieme tutte le curiosità dell’episodio con la rubrica Behind DuckTales!

 

Dottor Atmoz Fear, è giunto il momento che… ti rovini la giornata.

 

Il dottor Atmoz Fear è ispirato al dottor Heinz Doofenshmirtz, lo scienziato pazzo del cartone animato Phineas e Ferb, dal quale riprende la capigliatura e l’accento esotico.

 

Non ho regole. Non ho limiti. Non faccio il ruffiano con nessun miliardario.

 

Gandra DeeGandra Dee è una scienziata di cui Fenton Paperconchiglia si innamora, come avveniva nella serie originale degli anni ’80. A parte il nome, però, sono ben poche le similitudini tra le due versioni del personaggio.

Apparsa per la prima volta nell’episodio La liquidità è tutto, la prima Gandra Dee era la segretaria della fabbrica di fagioli di Paperon de’ Paperoni. Nella versione classica, Fenton vorrebbe invitarla a un appuntamento, ma non trova il coraggio di farlo; quando ci riesce, scopre che anche la papera sperava di poter uscire con lui. I due si fidanzano, ma la presenza di lei si limiterà a una manciata di apparizioni.

Il suo nome è una parodia di Sandra Dee, attrice statunitense protagonista di numerosi teen movie girati tra la fine degli anni ’50 e l’inizio degli anni ’60, nei quali ha interpretato il ruolo della tipica ragazza della porta accanto.

 

Certo, non è un appuntamento. Ma se lo fosse, sarei felice che tu abbia trovato qualcuno di speciale. Questo qualcuno può essere molte cose: un amico, un confidente, un ninja letale, una sirena proibita, un papero mannaro, un clone di te stesso, una combattente vichinga, una nuvola di energia parlante…

 

Jet McQuack fa un elenco che probabilmente deriva dalle sue esperienze personali, lasciandoci intuire alcuni dei suoi improbabili legami del passato. Lo avevamo già sentito accennare a una sua vecchia fiamma proveniente dalle profondità oceaniche, ma qui il pilota cita anche una guerriera vichinga, possibile citazione all’episodio I vichinghi all’opera della prima serie. Potrebbe inoltre essere una spiegazione della scena di Woo-oo! (part 2) in cui lo avevamo sentito parlare svedese…

 

A che razza di mostro non piacciono le ciambelle glassate?

 

Nel combattimento finale dell’episodio, dopo che Beaks si è trasformato in una creatura mostruosa, Fenton gli spruzza addosso lo spray al gusto di ciambelle glassate. Lo spietato imprenditore afferma di non sopportare le ciambelle glassate, rispondendo alla domanda fatta da Fenton durante la cena con Gandra.

 

Il solvente universale! Il futuro della terraformazione così come la conosciamo. Questo liquido passa attraverso qualsiasi cosa. Solo i diamanti più forti possono resistere.

 

Tra i vari progetti scientifici che Fenton mostra a Gandra c’è il potente liquido in grado di sciogliere qualunque cosa tranne i diamanti, creato da Don Rosa nella storia a fumetti Il solvente universale.

 

Fentonium! Un cristallo sintetico privo di attrito creato da me! Invece di rallentare dopo il balzo iniziale, accelera e guadagna energia.

 

La spiegazione del funzionamento del Fentonium ricorda molto il Flubber, la sostanza creata dallo scienziato protagonista del film Disney Un professore tra le nuvole, di cui è stato realizzato anche un remake con il compianto Robin Williams.

 

Ho bevuto il siero di naniti di Gandra e l’ho collegato alla tecnologia di Robopap che ho rubato.

 

La nanotecnologia di Gandra permetterebbe di sfruttare i poteri dell’armatura di Robopap in un organismo umano, in modo simile a quanto avviene nel fumetto Marvel Iron Man: Extremis. L’imprenditore ingerisce però una dose eccessiva di siero e si trasforma in una creatura che ricorda Hulk, con uno sviluppo sovrumano dei muscoli che strappa tutti i suoi vestiti a eccezione dei pantaloni.

 

Non puoi essere più visibile che diventando un mostro gigante!

 

Mega Beaks si arrampica sulla Torre Waddle con Qui e Gaia nella sua mano, ricreando la celebre scena di King Kong sulla cima dell’Empire State Building.

 

E così ancora una volta la giornata è salva grazie a Robopap.

 

Questa frase ricalca quella con cui si chiudevano gli episodi di Le Superchicche. Non a caso, Tom Kenny, doppiatore dello speaker televisivo in DuckTales, era il narratore del cartone animato sul trio di piccole super eroine.

 

BEHIND DUCKTALES – STAGIONE 1:

BEHIND DUCKTALES – STAGIONE 2:

 

Consigliati dalla redazione