È raro che la Marvel annunci la fine di una sua serie regolare; il più delle volte viene comunicato un senso di chiusura all’interno della sinossi degli albi (senza specificare se si tratti dell’arco narrativo o della pubblicazione), ma più spesso ancora, semplicemente, la serie in questione smette di apparire tra le solicitation degli albi prenotabili dai rivenditori. Non è il caso di Champions, che negli Stati Uniti si concluderà a settembre con il numero #10.

Allo scrittore Jim Zub (Avengers, Thunderbolts) è stato infatti concesso di ufficializzare la fine della serie che ha scritto sin dall’abbandono dei creatori del titolo, Mark Waid e Humberto Ramos, e di farlo dalle colonne del suo blog personale.

 

 

Prima di lasciarvi alle parole di un amareggiato Zub, vi ricordiamo che Champions viene pubblicato in Italia da Panini Comics in brossurati da fumetteria, dopo che i primi sedici appuntamenti sono giunti in edicola in forma di spillati. Il diciottesimo albo, uscito da qualche settimana, propone il finale della prima serie scritta dallo sceneggiatore canadese; il prossimo darà il via alla testata a cui fa riferimento questo articolo. È lecito dunque supporre che la casa editrice modenese terminerà la serie con Champions 20.

 

Champions #10, copertina di Kim Jacinto

Con le solicitation di ottobre ​​online, sapevo che si sarebbe cominciato a discutere della nostra run. È con un peso nel cuore che vi comunico che Champions si concluderà con il numero #10.

Ho progettato questa nuova versione del gruppo in modo che mettesse insieme il classico dramma supereroistico per adolescenti con un cast eclettico di personaggi: la vecchia scuola Marvel portata nel presente da una nuova generazione di eroi.

Mi sono preso dei rischi, ma la serie non è stata il successo che speravamo, perciò i miei piani a lungo termine si sono accorciati. A volte va così.

Fa male. Negarlo sarebbe disonesto. Vorrei che avesse funzionato. Mi spiace di avervi deluso.

I lettori e i recensori che hanno notato quel che stavamo cercando di fare sono stati incredibili. Il loro entusiasmo ci ha permesso di andare avanti, mese dopo mese. Se non avete avuto la possibilità di leggere la run in corso, spero prenderete in considerazione l’idea di darci una possibilità tramite le singole uscite, le raccolte o in digitale.

Un grosso ringraziamento a tutto il nostro team creativo: Steven Cummings, Marcio Menyz, Clayton Cowles, Juanan Ramirez, Kim Jacinto e Rain Beredo. Un grazie ancora più sentito agli editor CB Cebulski, Tom Brevoort, Alanna Smith e Shannon Andrews per avermi permesso di dare corpo alla mia idea. Il rischio non è stato ripagato questa volta, ma l’unico modo che abbiamo per costruire dei nuovi classici è spingerci verso l’ignoto e vedere cosa sia possibile.

Se state leggendo queste righe e siete preoccupati per il futuro dei vostri giovani eroi preferiti, posso dirvi che ci sono grandi progetti per gli adolescenti della Marvel nel 2020. Ho sentito parlare della prossima fase della storia di Champions: è eccitante, vibrante e assolutamente degna della Casa delle Idee. Sono un po’ dispiaciuto che non sarò io a raccontarla, ma anche fiducioso per il futuro di questi giovani eroi così stimolanti.

Grazie per il supporto,

Jim

 

 

Fonte: Jim Zub

 

Consigliati dalla redazione