Ha ormai qualche settimana l’annuncio di un crossover tra la Justice League, principale squadra di eroi DC Comics, e i personaggi di Black Hammer, il fumetto Dark Horse di Jeff Lemire e Dean Ormston che vede protagonisti delle figure decisamente metanarrative nei confronti del genere supereroistico.

Il team creativo di Justice League/Black Hammer: Hammer of Justice, composto da Lemire stesso e dal disegnatore Michael Walsh, ha risposto ad alcune domande del portale statunitense Comic Book Resources.

Ecco gli elementi di interesse che ne sono scaturiti:

 

Black Hammer/Justice League: Hammer of Justice #1, copertina di Michael Walsh

Lemire – Il mistero dietro al modo in cui i due gruppi si incontrano sarà parte del divertimento di questa lettura, quindi non voglio svelare nulla di specifico, ma sappiate che ho sempre amato l’Universo DC. Ho scritto parecchie storie per la casa editrice, prima di focalizzarmi sui miei lavori indipendenti e dar vita al mondo di Black Hammer. Quindi la possibilità di far incontrare queste mie due passioni era troppo gustosa per rinunciarvi.

Walsh – Ci sono molti grandi personaggi in questa storia destinati ad incontrarsi. Alcuni di loro avranno degli scontri e sarà molto divertente. Jeff, come di consueto, ha messo un sacco di enfasi nelle personalità dei protagonisti e parecchia sensibilità nelle trame.

Lemire – Ho scritto questa storia sapendo che sarebbe dovuta essere il più possibile adatta ai nuovi lettori. Il primo numero, ma direi la serie in generale, è del tutto accessibile a chi non avesse mai letto i fumetti di Black Hammer. Ho cercato di realizzare una buona introduzione all’universo in cui si muovono quei personaggi e, allo stesso tempo, a quello DC. Detto questo, ci sono un sacco di cose che faranno la gioia di chi legge Black Hammer da sempre.

Walsh – Da fan delle storie di Black Hammer, ero eccitatissimo all’idea di leggere le sceneggiature di questi albi. Ci sono alcuni grandiosi riferimenti alla saga originale, ma sono anche del tutto accessibili a chi non conosca i personaggi.

Lemire – Dean Ormston è l’artista principale di Black Hammer, cosa che non è destinata a cambiare, ma dato che ho espanso il suo universo e che ho creato diversi spin-off, ho avuto l’occasione di lavorare con un sacco di disegnatori incredibili e vedere come interpretavano il mio mondo. Dean è stato molto di supporto a questa iniziativa.

Lavorare con Michael Walsh è stata una gioia. Sono un grande fan del suo lavoro dai tempi di X-Files e lui abita molto vicino a casa mia, quindi è stato bello, per una volta, lavorare davvero a contatto. I disegni di Michael per la serie sono pazzeschi, e inoltre è lui stesso a occuparsi dei colori.

Walsh – Jeff e la Dark Horse sono stati davvero gentili con me e mi hanno lasciato esprimere al meglio. Le copertine variant ospitano una cornucopia di talento, come anche sulle serie limitate di Black Hammer, ed è grandioso vedere le diverse visioni di questo mondo prendere vita. È un onore aver contribuito a qualcosa di nuovo e unico.

Sono un ammiratore dei disegni di Ormston e ho cercato di rispettare il più possibile il suo design dei personaggi, pur mantenendo il mio stile personale e il mio passo narrativo.

 

 

 

Fonte: CBR

 

Consigliati dalla redazione