Qualche giorno fa vi abbiamo proposto un’anteprima del numero #1 di Invisible Woman, miniserie dedicata a Susan Storm, alias la Donna Invisibile dei Fantastici Quattro, scritta da Mark Waid (Avengers) per i disegni del nostro Mattia De Iulis (Jessica Jones).

Nel corso della storia in cinque parti torneremo a vedere la protagonista in versione super spia, aspetto introdotto nel 2014 dallo stesso sceneggiatore sulla serie S.H.I.E.L.D.

In occasione del debutto di Invisible Woman #1, da oggi nelle fumetterie statunitensi, vi riportiamo le parole con cui Waid – autore insieme al compianto Mike Wieringo di una run su Fantastic Four pubblicata tra il 2002 e il 2005 – ha presentato il progetto a Newsarama:

 

Invisible Woman #1, variant cover di Stephanie Hans

[Questa miniserie] Mi è stata richiesta dall’editor Tom Brevoort. Durante la mia ultima run di Fantastic Four ho avuto un sacco di idee per Sue Richards, e ho pensato a quanti retroscena non ho mai avuto modo di svelare. Questa è dunque la mia possibilità di affrontarne qualcuno.

A mio modo di vedere, le profonde personalità dei Fantastici Quattro sono così ben definite che è facile calarsi nuovamente nelle loro voci. Non solo è divertente scrivere Sue, potrei pensare a gag tra Johnny e Ben per tutto il giorno!

I Fantastici Quattro hanno fatto ritorno da un viaggio tra gli universi e stanno tentando di riprendere la vita di tutti i giorni, ma Sue si sente piuttosto alla deriva. I suoi figli sono abbastanza grandi per cavarsela da soli, Reed è occupato come sempre e lei è in cerca di una nuova sfida. È così che ha inizio la storia.

Come visto qualche anno fa nella serie S.H.I.E.L.D., Sue è stata per diverso tempo una spia part time. Detto ciò, stavolta sta agendo in violazione degli ordini ufficiali, rendendo il suo compito ancora più difficile. È forte, indipendente e capace, così potente che, onestamente, mi trovo in difficoltà quando devo ideare situazioni che possano realmente metterla in pericolo.

[Parlando di Mattia De Iulis – NdR] Il suo lavoro è splendido. Ha conferito alla storia un aspetto pittorico e i suoi personaggi sono davvero unici ed espressivi. C’è una scena nel numero #2 in cui Sue sta inseguendo un assassino tra le strade di Madripoor, è semplicemente fantastica, dall’inizio alla fine. Mattia è un talento da tenere d’occhio.

Invisible Woman #1, variant cover di Steve McNiven

La Vedova Nera apparirà nel numero #2 e penserà chiaramente che Sue faccia quel lavoro in modalità part time, a livello “amatoriale”. Un grave errore.

Quando è ben scritta, Susan è un personaggio molto complesso. Tutti si comportano diversamente a seconda di chi hanno attorno in quel preciso momento. Con i propri genitori ci si comporta in maniera differente rispetto ad amici o estranei. Nell’Universo Marvel, non abbiamo la possibilità di vedere molto spesso cose simili, ma Sue ne è l’esempio calzante, è incredibilmente stratificata.

Perché questo è il periodo giusto per una serie dedicata a lei? Forse perché la sta aspettando da cinquantotto anni.

Il lavoro con Mike [Wieringo] è stata una delle più belle esperienze della mia vita. Se non fosse stato per lui, non avrei mai ottenuto l’incarico, visto che sono stato chiamato da Tom Brevoort solo dopo aver messo lui sotto contratto, sapendo che sarebbe stato difficile per me resistergli. Ogni cosa che ho fatto con i Fantastici Quattro nasce dalla collaborazione con Mike. Tutto.

 

 

 

Fonte: Newsarama

 

Consigliati dalla redazione