C’era Javi Fernandez (Magneto) a rispondere alle domande di Newsarama su Justice League, alla vigilia dell’uscita del numero #25 della serie, scritta da Scott Snyder e Jorge Jimenez, su cui stanno accadendo eventi destinati a mettere in pericolo le trame stesse dell’Universo DC.

Il disegnatore si è occupato della seconda parte dell’albo, per poi divenire artista regolare della testata dal successivo. Ecco le sue dichiarazioni in merito:

 

Justice League #25, copertina di Jorge Jimenez

In questo momento sto disegnando le quindici pagine di Justice League #25 che connettono il finale dell’arco narrativo The Sixth Dimension al prossimo, Justice: Doom War. Sono davvero emozionato. Si tratta di una grande responsabilità collaborare a questo numero d’anniversario assieme a grandi star del Fumetto come Jorge Jimenez e Scott Snyder.

Io e Jorge abbiamo studiato insieme e abbiamo parlato di moltissimi elementi della serie. Quando ho ricevuto la proposta di lavorare su Justice League, lui è stata la prima persona a scoprirlo. Dal primo momento, mi ha aiutato con ogni dubbio che avessi per capire alla perfezione come si comporta e cosa sente ogni singolo personaggio. Mi diverte molto il fatto che, al mio primissimo numero, lui e io ci occupiamo di un diverso team della Justice League.

Ho seguito i fumetti della League in diversi periodi. La run di Keith Giffen e J.M. DeMatteis, quella di Grant Morrison, il rilancio di Geoff Johns e Jim Lee. E ora Scott, James Tynion IV e Jorge stanno facendo cose spettacolari, specialmente negli ultimi archi narrativi. Ho avuto la fortuna di leggere parecchi albi di Scott e Jorge prima che fossero dati alle stampe e posso dirvi che siamo ai massimi livelli. Questa è la storia più emozionante ed entusiasmante che abbia letto negli ultimi anni.

Chi segue il mio lavoro conosce il mio amore per Batman e tutta la sua famiglia. Ma in questo momento mi sto godendo Martian Manhunter, Cheetah e Sinestro. Ognuno di loro ha delle caratteristiche che lo rendono unico da disegnare.

Ho solo ottimi ricordi del mio periodo alla Marvel. Mi ha dato l’occasione di lavorare fianco a fianco con Gabriel Hernandez Walta, un altro grande amico, ma da quando ho disegnato Batman Eternal ho sentito costantemente il supporto di tutta la DC Comics. Editor, assistenti e colleghi mi hanno fatto sentire a casa, il che è importantissimo per me. Spero di poter lavorare qui a lungo.

Oggi come oggi, il mio impegno è dare il meglio di me su Justice League. Ci sono molti altri personaggi nell’Universo DC che vorrei disegnare nuovamente, come Constantine, Azrael, Zatanna… Ma in questo momento non saprei pensare a una posizione migliore di quella che ricopro.

 

 

 

Fonte: Newsarama

 

Consigliati dalla redazione