Nothing can stop Della Duck! ci propone il tanto atteso ricongiungimento fra la papera e i tre figli, tra caratterizzazioni psicologiche e personaggi barksiani, su cui andremo a soffermarci in questa nuova puntata della rubrica Behind DuckTales.

 

Ehi, Qui, Quo e Qua? No, no, no… i loro nomi dovevano essere Jet, Turbo e Ribelle! L’avevo detto a Paperino! L’avevo anche scritto nel caso nessuno riuscisse a capirlo!

 

Della aveva pensato tre nomi diversi per i suoi paperotti, e per tutto l’episodio fatica a chiamarli con quelli che ha scelto per loro Paperino.

Nell’incontrare la propria madre, i ragazzi hanno tre diverse reazioni che rispecchiano le istanze intrapsichiche freudiane. Qui rappresenta l’Io: è il più equilibrato e fa domande razionali a Della, tenendo conto delle sue colpe ma lasciandole il beneficio del dubbio per il semplice fatto di essere la loro mamma. Quo rappresenta l’Es: è così eccitato dal ritorno di sua madre che non prende in considerazione le conseguenze negative (neanche quando subisce un’intossicazione alimentare). Qua rappresenta il Super-Io: è felice che sua madre sia tornata, ma non sa come interagire con lei e ha ancora qualche dubbio sulle sue azioni, perciò rimane emotivamente distaccato.

 

Agente 22? Ora sei la governante? Dov’è Arcibaldo?

 

La reazione di Della nello scoprire le novità di Villa De’ Paperoni lascia intendere che la morte di Arcibaldo e l’assunzione di Tata siano eventi successivi alla sua partenza sulla Lancia di Selene, e avvenuti quindi negli ultimi dieci anni.

 

Luogo: El Dorado.

Tempo: quando avevo la vostra età.

Leggenda: l’orrore conosciuto come l’Uomo dorato

 

Della narra del suo scontro con l’Uomo dorato, come aveva già fatto nell’episodio precedente con gli abitanti della Luna, utilizzando una struttura narrativa simile a quella con cui Quo cercava di raccontare la sua storia in Sky Pirates… in the Sky!.

L’Uomo dorato è apparso per la prima volta nella storia a fumetti di Carl Barks Paperino contro l’uomo d’oro, successivamente riutilizzato anche da Don Rosa in Zio Paperone – L’ultimo signore dell’Eldorado.

 

Uomo dorato Barks

 

Hai fatto un buon lavoro, Paperino. Ti sei meritato questa vacanza.

 

La fotografia in cui si vede Paperino che riscalda i tre nipotini dentro a un canotto durante una fredda notte invernale è il rifacimento di un’illustrazione di Carl Barks.

 

 

Devo seriamente cominciare a chiudere questa porta.

 

Paperone reagisce sconsolato alla scoperta che Della ha attivato per errore un oggetto maledetto presente nel suo garage. Era già successo in Woo-oo! (part 1) e in Treasure of the Found Lamp – rispettivamente con Deus Excalibur e la Fiamma del Traghettatore – perciò il miliardario farebbe bene a mettere un lucchetto alla porta per evitare ulteriori incidenti simili…

 

BEHIND DUCKTALES – STAGIONE 1:

BEHIND DUCKTALES – STAGIONE 2:

 

Consigliati dalla redazione