Nel mondo dell’editoria del Fumetto giapponese, la pirateria è un tema piuttosto caldo. Da diversi anni gli editori cercano soluzioni per far fronte al problema, sia per quanto riguarda la distribuzione illegale di scansioni di manga in patria sia all’estero. Il fatto che una buona fetta dei lettori internazionali accedano ai manga tramite versioni digitali non ufficiali non è un mistero, tantomeno in Giappone.

In occasione di Lucca Comics & Games 2018, abbiamo colto l’occasione per chiedere a Shintaro Kago cosa ne pensasse del problema della pirateria, e l’autore ha dato una risposta piuttosto interessante: se non fosse stato per la distribuzione illegale delle sue opere, probabilmente il suo lavoro non sarebbe mai arrivato fuori dal Giappone. Ciò non toglie che, a causa della pirateria, gli editori, e di conseguenza gli autori, ne risentano in termini di guadagni.

Per far fronte a questo problema, oltre alle numerose campagne di sensibilizzazione proposte in passato, la casa editrice nipponica Shueisha ha deciso di colpire i siti di pirateria internazionali facendo il loro stesso gioco e rendendo disponibile in tutto il mondo (ad eccezione di Giappone, Cina e Corea che già dispongono di servizi digitali affini) una nuova applicazione per la lettura chiamata Manga Plus (scaricabile sia per Android che per iOS), fruibile anche via browser tramite il sito ufficiale, e soprattutto gratuita.

 

Manga Plus by Shueisha

 

I nuovi capitoli delle serie in corso verranno pubblicati in contemporanea con il Giappone in lingua inglese (e prossimamente in spagnolo) e saranno disponibili per un periodo di tempo limitato. Alcune serie concluse, invece, verranno man mano pubblicate interamente.

L’applicazione funziona esattamente come le sue colleghe non ufficiali: nella schermata principale si può accedere a numerosi titoli editi da Shueisha, si possono salvare le serie tra le proprie preferite così da ricevere una notifica quando viene pubblicato un nuovo capitolo, ed è possibile lasciare dei commenti che saranno leggibili dagli altri utenti.

La scelta della pubblicazione dell’ultimo capitolo in contemporanea con l’uscita originale va proprio a rispondere al bisogno dei fruitori di siti pirata, che in genere attendono l’uscita delle traduzioni non ufficiali a ridosso della pubblicazione del capitolo in Giappone. Il fatto che il nuovo capitolo sia disponibile per un periodo di tempo limitato ha la potenzialità per fidelizzare l’utente all’uso dell’applicazione, ma è chiaro che questo aspetto del servizio non sia rivolto a chi legge le edizioni cartacee del proprio Paese.

L’offerta di titoli completi – che comprendono serie iconiche come Naruto, Bleach, Tokyo Ghoul e la prima parte di One Piece – è una motivazione in più sfruttare il servizio. I capitoli infatti vengono rilasciati nel corso del tempo (al momento della scrittura di questo articolo, per esempio, sono disponibili i primi quattro capitoli di alcune delle suddette serie), e dunque i lettori hanno la possibilità di seguire una nuova serializzazione in formato digitale di manga molto popolari, senza essere scoraggiati dal numero complessivo dei capitoli, e godendo di una traduzione e di un editing ufficiali.

Da un lato, questa proposta potrebbe far sorgere una domanda: ma se in un Paese è già presente un’edizione ufficiale pubblicata da una casa editrice locale, per quale motivo un lettore dovrebbe utilizzare questa applicazione? La risposta si cela nel target di lettori a cui il servizio è diretto. Come detto in precedenza, Shueisha ha voluto colpire coloro che usano siti e applicazioni pirata, di conseguenza si suppone che chi userà l’app sia qualcuno che avrebbe preferito la lettura gratuita in digitale piuttosto che l’acquisto di un cartaceo. Allo stesso tempo Manga Plus può dare l’occasione agli appassionati di avvicinarsi a serie che non avevano mai letto prima e magari, in un secondo tempo, decidere di collezionare i volumetti cartacei.

In più, grazie alla presenza di serie non ancora uscite in Italia – come per esempio Teenage Renaissance! David-kun, di cui abbiamo parlato al momento del suo esordio – o di prossima uscita, come Blade of the Demon Slayer – Kimetsu no Yaiba (da aprile in Italia per Star Comics), si può avere uno sguardo in anteprima, legale e ufficiale, alle novità editoriali e alle serie popolari in Giappone.

 

Manga Plus by Shueisha

 

Attualmente, dal punto di vista pratico, l’applicazione non è esente da difetti. Sono disponibili due versi di lettura, orizzontale e verticale, ma purtroppo il primo non è funzionante su tutti i dispositivi. Manca una funzione di zoom e non si possono ingrandire le immagini, cosa che potrebbe non arrecare un problema se si utilizza l’applicazione su tablet, ma che potrebbe invece risultare fastidiosa per coloro che leggono su smartphone.

Nell’applicazione sono presenti una sezione Updates, in cui sono elencati i titoli aggiornati, la Home, e una sezione Browse, per ricercare tutti i titoli presentati in ordine alfabetico e per popolarità, ma la mancanza di una barra di ricerca non permette di raggiungere velocemente i manga o di controllare l’eventuale presenza di un’opera nell’archivio.

Per chi invece è interessato all’aspetto della condivisione di commenti e al lato di community del servizio, attualmente non è possibile interagire con gli altri lettori, se non lasciando un “mi piace” ai loro commenti.

Nel complesso Manga Plus è un’applicazione veloce, i tempi di caricamento dei capitoli sono rapidi e inoltre non vi sono pop-up o fastidiose pubblicità invasive, ma soprattutto, parte del ricavato delle pubblicità presenti nell’applicazione andrà direttamente ai mangaka, che può essere un ulteriore incentivo per gli ammiratori degli autori a preferire il servizio ufficiale a quelli pirata. Il funzionamento dell’applicazione è semplice e intuitivo ed è presente una sezione FAQ che risponde, in lingua inglese, a tutti i quesiti che possono sorgere nel momento in cui si prova a utilizzarla per la prima volta.

 

Manga Plus by Shueisha

 

Shueisha ha dunque trovato la soluzione per diminuire il traffico sui siti pirata internazionali? Forse, soprattutto se il suo esempio verrà seguito da altre case editrici. La possibilità di trovare manga gratis, legalmente, e con una cura editoriale professionale è un servizio non da poco, che vale la pena di essere provato, sempre che siate abituati a leggere i fumetti in lingue straniere!

I tempi sono maturi: negli ultimi anni la percentuale di lettori che preferisce il digitale al cartaceo è cresciuta, e grazie ai numerosi servizi in abbonamento, è sempre più diffusa l’abitudine di fruire di applicazioni e siti ufficiali, a discapito di quelli di pirateria. Con il tempo avremmo anche modo di vedere quanto sia effettivamente sostenibile economicamente un servizio simile per una casa editrice, e se una distribuzione digitale internazionale da parte dell’editore originale, possa essere in qualche modo un deterrente per le case editrici straniere nella decisione di investire su un prodotto che è già disponibile legalmente per i lettori del proprio Paese, pur essendo fornito solo in digitale e (almeno nel nostro caso) in una lingua straniera.

Vi ricordiamo inoltre che in questo articolo potrete leggere l’elenco delle serie presenti e delle attività collaterali proposte dalla pagina Facebook di Manga Plus.

 

Consigliati dalla redazione