Anche Todd McFarlane, co-creatore di Venom e creatore di Spawn che ha lavorato per diversi anni alle storie dell’Uomo Ragno, ha commentato la morte di Stan Lee su Variety:

 

Ha creato tutti quei personaggi, è vero, ma il vero superpotere di Stan era il modo in cui interagiva con i suoi fan. Aveva capito che in 30 secondi una celebrità può avere un grande impatto su qualcuno. Può essere positivo o negativo, ma rimarrà per sempre. Aveva capito quella responsabilità e non ha mai gestito la fama con fastidio. Si impegnava tantissimo.

Poche persone possono creare personaggi come quelli, che poi hanno un impatto globale simile. L’unica altra persona a cui riesco a pensare è Walt Disney. L’impatto di Disney continua a crescere ed espandersi, e penso che Stan Lee avrà un impatto sempre maggiore.

Capiva la grandezza della sua creazione. Conosceva il melodramma, sapeva che i fumetti erano spettacoli di broadway con un mucchio di colori chiari. Gli eroi dovevano essere davvero buoni e i villain dovevano essere davvero cattivi. Ma i suoi personaggi non erano senza macchia. Avevano tutti dei talloni d’Achille. Non erano sempre perfetti, sempre belli, ma erano comunque esuberanti. Lanciavano martelli, fermavano automobili con il loro corpo e indossavano incredibili tute spaziali.

Quando parlavi in privato con Stan, lui ammetteva di aver avuto dubbi. All’epoca non aveva idea di cosa stava scatenando. Quando provava qualcosa non sapeva se avrebbe funzionato. Capita a tutti i creativi. Ma anche quando aveva dei dubbi, non si fermava mai. Andava avanti. Spero che questo dia speranza alle persone.

 

Il fumettista ha pubblicato una foto su Facebook spiegando:

 

Questa foto mostra che tipo era Stan Lee. Il suo grande superpotere era far sentire bene chiunque incontrasse, far sì che stesse bene con se stesso. Vorrei che aveste passato tutti due minuti con lui. Chi come me ha avuto quest’opportunità è stato fortunato. Ho visto la sua generosità verso migliaia di fan… lo faceva con vera gioia. I personaggi e l’universo che ha contribuito a co-creare continueranno a crescere. Addio amico mio.

 

This photo of Stan Lee is indicative of who this man was. His great 'super power' was making almost everyone he met,…

Pubblicato da Todd McFarlane su Lunedì 12 novembre 2018

 

McFarlane aveva incontrato Lee qualche settimana fa nella sua casa a Los Angeles. All’epoca raccontò così l’incontro:

 

Per 60 minuti, abbiamo parlato della sua crescita a New York, del suo amore per i fumetti, per l’amore ancora più grande che aveva per la sua compianta moglie. Mi ha confidato che invecchiare gli ha fatto abbastanza schifo, ma mi ha anche detto “Che ci vuoi fare?”. Mi ha raccontato di quanto gli manchi sua moglie, e anche che ogni giorno due anatre si intrufolano nella sua piscina e vengono a bussare con il becco alla sua finestra alla ricerca di un po’ di cibo (che sua moglie dava loro ogni volta). Abbiamo parlato di baseball e di film, mi ha anche chiesto come mi trovo a vivere vicino al deserto in Arizona. Essenzialmente è stata una piacevole chiacchierata mescolata a tante storie divertenti. Poco prima che me ne andassi, Stan mi ha preso la mano e mi ha detto “Todd, grazie per essere passato, la tua visita è stata più salutare di tante medicine”. Quindi, che dire di questi 60 minuti? Direi che ho incontrato un caro amico di 95 anni.

 

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

 

TUTTI GLI ARTICOLI CORRELATI

 

Consigliati dalla redazione