Dopo una lunga attesa, pochi giorni fa sono arrivati i nuovi episodi di DuckTales, sia negli Stati Uniti che in Italia. In virtù di questo, tra pochi giorni riprenderemo la nostra rubrica Behind DuckTales, nella quale analizziamo le curiosità e le citazioni presenti in ogni puntata. Oggi vi proponiamo invece un’intervista ai creatori della serie animata!

Grazie a Disney Italia, infatti, abbiamo avuto l’opportunità di intervistare con Francisco Angones e Matt Youngberg, autori e produttori delle nuove avventure televisive dei paperi. Con loro abbiamo parlato di Fumetto italiano, delle altre loro fonti d’ispirazione e di cosa possiamo aspettarci dal prosieguo della serie.

 

Sappiamo che siete degli appassionati di Fumetto Disney a tutto tondo e che conoscete molto bene anche la produzione nostrana. Quali sono gli autori italiani, le storie e le serie che preferite? Ci possiamo aspettare di vedere qualche influenza nei prossimi episodi di “DuckTales”?

Romano Scarpa

Francisco Angones – Ci troviamo spesso a parlare con editori americani e internazionali, che ci chiedono se riporteremo in scena questo o quel personaggio, e la nostra risposta è sempre: Sì, ma non possiamo dirtelo! [ride]

Nella seconda stagione ci immergeremo a fondo nella produzione Disney italiana, compariranno diversi personaggi di origine europea, e mi riferisco ad alcune creazioni di Romano Scarpa. La cosa interessante è che alcuni di questi soggetti non sono mai stati animati prima, non facevano parte delle precedenti DuckTales. Essendo questa una serie animata di fama internazionale, vogliamo farli conoscere al grande pubblico in modo entusiasmante, prendendo alcuni di loro e rappresentandoli in forme che non sono necessariamente quelle con cui sono stati visti finora, ma quasi una loro estensione.

Non ho potuto introdurre immediatamente Paperetta Yé-Yé o Brigitta… ma ci stiamo lavorando. Non ci stiamo riposando, vedrete tanti nuovi paperi in versione animata.

Matt Youngberg – Amiamo tutto il materiale di partenza. Lavorando a “DuckTales” stiamo cercando di realizzare una versione moderna della serie originale, ma allo stesso tempo anche introdurre tutti gli elementi che la gente di tutto il mondo ama dell’universo dei Paperi. Perciò vedrete personaggi che non sono popolari negli Stati Uniti e che sono apparsi nei fumetti europei, e voi li conoscete molto bene. Stiamo pescando da diverse fonti, perché quei fumetti sono risorse così ricche che sarebbe un peccato non sfruttare certi personaggi. Introdurremo nuove figure che speriamo facciano leva sul pubblico internazionale, ma abbiamo anche creato personaggi originali, e spero di vederli comparire in futuro nei fumetti di più nazionalità.

Angones – A livello personale, adoro Paperinik. Mi piacerebbe trovare un modo per introdurlo, prima o poi.

A marzo 2017, mesi prima della trasmissione dell’episodio pilota, “DuckTales” è stato rinnovato per una seconda stagione. Lavorare sapendo con largo anticipo che la serie proseguirà ha in qualche modo cambiato il processo di scrittura? Ci possiamo aspettare una seconda stagione con una continuity più elaborata e meno puntate autoconclusive?

Ducktales

Youngberg – Sapere che ci sarebbe stata una seconda stagione ci ha rassicurato e permesso di lavorare sulla storia che volevamo raccontare sin dall’inizio. C’erano alcune sottotrame che volevamo sviluppare, e la conferma di una seconda stagione non ci ha costretti a inserire tutto a forza nella prima stagione, certe cose potremo svilupparle con calma l’anno prossimo.

Per noi, in “DuckTales” è importante riuscire a fare entrambe le cose: gli episodi autoconclusivi che non appartengono a filoni narrativi più ampi sono la parte più divertente e avventurosa di una serie animata come questa. È come quando prendi in mano un vecchio albo a fumetti e guardando la copertina dici: “Ah, sì, mi ricordo di cosa parla!”. Puoi leggere una storia meravigliosa senza preoccuparti del fatto che sia collegata a tutto il resto.

Ma è fantastico anche poter raccontare storie che si sviluppino nel corso di un’intera stagione, perciò porteremo avanti entrambe le tipologie di episodi: episodi autoconclusivi, comici, avventurosi e puntate in cui possiamo permetterci di dare forma a una narrazione più elaborata.

Angones – Per quanto riguarda la scrittura, in passato abbiamo lavorato a una serie televisiva [“Wonder Over Yander” – NdR] in cui avevamo pianificato un arco narrativo più lungo, ma non abbiamo potuto svilupparlo visto che non è stata confermata per una terza stagione. Perciò, con questa serie ci siamo detti: “Sai che c’è? È ‘DuckTales’. Nel caso potessimo fare soltanto una stagione, dovremmo metterci tutto, da Robopap a Darkwing Duck, oltre ad approfondire la famiglia di Paperino…”. Volevamo fare una prima stagione esplosiva, ed eravamo sicuri che se la serie fosse stata rinnovata avremmo saputo come proseguire, ci sarebbero venute nuove idee.

“DuckTales” è una macchina crea-storie avventurose grazie alla quale possiamo raccontare ogni tipo di vicenda, e spingo tutti gli sceneggiatori a mettere sul tavolo qualunque idea venga loro in mente.

Rispetto all’originale degli anni ’90, trovo che questa nuova serie animata abbia un senso dell’umorismo più maturo, con picchi di sarcasmo e comicità nonsense. Ci potete raccontare qualcosa del processo attraverso il quale avete trovato un equilibrio, per rendere “DuckTales” godibile sia per gli spettatori più giovani che per gli adulti?

Angones – Sì, si tratta di una serie animata rivolta innanzitutto ai ragazzi, ma non possiamo ignorare l’esistenza di un sacco di fan che ora sono cresciuti. Era molto importante per noi realizzare un prodotto per tutta la famiglia, che si potesse guardare tutti assieme. Per questo ci siamo concentrati molto sulla famiglia dei paperi e sul clan De’ Paperoni: volevamo che il pubblico si affezionasse a loro; per questo tutte le battute e le frasi sarcastiche si basano sulle relazioni tra i personaggi. È quello che succede in “Modern Family”, ne “Gli Incredibili”, in “Indiana Jones e l’Ultima Crociata”. Ci siamo assicurati che ogni membro della famiglia avesse il proprio personaggio e un legame unico con gli altri, attraverso segreti e tormentoni personali. È dai rapporti tra i vari personaggi che nasce la comicità.

Ci potete dire qualcosa sulle fonti che in qualche modo hanno influenzato le nuove puntate di “DuckTales”? Ovviamente Carl Barks e Don Rosa sono stati fondamentali, ma al di fuori dell’Universo Disney quali altri serie televisive, film o fumetti hanno ispirato la comicità, gli elementi avventurosi e magari anche lo stile grafico?

Youngberg – Tutto! Sono uno studioso di tutto ciò che è intrattenimento, sono cresciuto con i fumetti americani, l’animazione giapponese, i fumetti europei, i lungometraggi animati… e credo che tutte queste cose, in qualche modo, abbiano influenzato il mio lavoro.

Stiamo affrontando un genere narrativo, puoi prenderti gioco di esso e allo stesso tempo seguire gli elementi fondamentali che lo caratterizzano. È qualcosa che fa benissimo Edgar Wright. Prendi “L’Alba dei Morti Dementi”: riesce a essere un ottimo film horror, mentre fa una divertente parodia di quello stesso genere cinematografico.

Angones – E il merito, in buona parte, è dei personaggi: sono costruiti così bene che ti affezioni a loro, per quanto assurda risulti la vicenda.

Youngberg – Abbiamo cercato di ricreare quel tipo di storie facendo interagire i personaggi tra loro. Quando ci siamo ritrovati seduti in una stanza a pensare agli episodi, non era soltanto “vorrei vedere un inseguimento tra carrelli di miniera” ma “Come si comporterebbe Qua durante un inseguimento tra carrelli di miniera?”. Ci siamo assicurati di mettere al primo posto i personaggi, e tutte le influenze che abbiamo utilizzato per la serie sono state filtrate attraverso di loro.

I personaggi hanno bisogno di fare esperienze e sviluppare dei loro pensieri, solo in questo modo puoi trainare a bordo gli spettatori. Non è sufficiente aggiungere qua e là qualche elemento spaventoso; non credo che il pubblico sarebbe coinvolto, direbbe: “È qualcosa che ho già visto”. Ma se qualcuno si affeziona ai personaggi, tornerà per vivere con loro nuove avventure.

No Head Horse

Un’ultima domanda: alla fine dell’episodio pilota abbiamo visto il Cavallo Senza Testa fuggire dal magazzino con una riproduzione della testa di Paperone. Possiamo aspettarci che si sia rifatto una vita: magari è diventato un miliardario, forse addirittura un avversario ancor più pericoloso di Cuordipietra Famedoro?

Angones – Sono felice tu mi abbia fatto questa domanda, è la più importante che abbia mai sentito. Quel cavallo è il mio personaggio preferito della serie, e per me incarna il mistero, l’orrore e l’avventura. È una delle cose più divertenti di tutti i tempi. Posso dirvi che tornerà, sono fiero di aver costretto i miei colleghi a renderlo un personaggio ricorrente, e avrà un ruolo specifico.

Uno degli aspetti più interessanti è che si tratta del personaggio più normale della serie; ora ha una testa, è entusiasta di tutto ciò e può condurre una vita normale a Paperopoli. È già apparso anche in una storia a fumetti.

Sì, ma è un personaggio che si merita molto di più, vogliamo uno spin-off… ovviamente sul grande schermo!

Angones – [ride] Sei stagioni e un film! [citazione del telefilm “Community” – NdR]

Youngberg – [ride] Non avresti potuto rendere più felice Francisco che con questa domanda. Ora chi lo ferma più?

 

Consigliati dalla redazione