Ci sono Dan Slott e C.B. Cebulski a rispondere alle domande dei redattori del sito ufficiale della Marvel. Il prossimo sceneggiatore delle storie dei Fantastici Quattro e il suo Editor-In-Chief hanno moltissimo per le mani, in vista del ritorno del Quartetto, promesso e agognato per oltre due anni.

Nelle dichiarazioni che vi riportiamo, ci danno qualche indicazione su ciò che possiamo aspettarci dalla riapparizione della famiglia Richards.

 

Fantastici Quattro, immagine promozionale

Slott – Questo agosto, io e Sara Pichelli saremo il team creativo dell’unica e sola Fantastic Four. Diamine. Siamo stati quasi messi sotto chiave, io e lei, quando si trattava di parlare di questo fumetto. Per mesi, è stato il segreto più grande della Marvel ed è bello ora poterne parlare al di fuori della cerchia. Lasciatemelo gridare: scriverò gli FQ!

Questo è sinceramente un momento da sogno. Il primo fumetto di super eroi che abbia mai letto è Fantastic Four, le copie di mio cugino dei numeri dal #48 al #50. La venuta di Galactus e la prima apparizione di Silver Surfer. Per me, personalmente, è stata una lunga attesa. Ho taccuini colmi di storie che mi sarebbe piaciuto raccontare se mai avessi avuto questi personaggi sottomano.

CebulskiFantastic Four era in cima alla lista delle cose che avrei voluto fare da Editor-In-Chief, una serie che ho nel cuore. So quanto i personaggi siano importanti per i fan e per la compagnia, e riportarli indietro è la prima cosa che ho discusso con Tom Brevoort all’inizio del mio incarico. Sono il cuore dell’Universo Marvel, la Prima Famiglia. Il fatto che siano una famiglia è qualcosa con cui tutti possono identificarsi.

Ci sono periodi in cui le cose vanno bene e altri in cui vanno male. Ci sono litigi, persone che non vanno sempre d’accordo. Guardate la prima copertina di Fantastic Four: i personaggi non erano nemmeno in costume. Ed è questa la Marvel: non una casa editrice che racconta di super eroi, ma di persone che stanno sotto al costume. Il nucleo della Marvel sta nel fatto che prima vengono gli umani, e solo poi i super umani.

Dan è reduce da una run di dieci anni su Amazing Spider-Man, nella quale ha dato prova di saper raccontare piccole storie che hanno un cuore e di andare dritto al nucleo dei personaggi, ma anche di narrare grandi eventi e avventure supereroiche molto dinamiche. Su Fantastic Four sappiamo di potergli dare briglia sciolta e che coglierà perfettamente la dimensione e i toni delle loro avventure galattiche. Dan ci ha proposto le sue storie al ristorante e ci ha lasciati letteralmente a bocca aperta. Credo che Nick Lowe si sia quasi messo a piangere, commosso.

Sara Pichelli è una delle disegnatrici più straordinarie che ci siano nel catturare le emozioni dei personaggi. Pochi artisti sarebbero altrettanto in grado di stare dietro a Dan, che pensa in modo molto visivo e racconta in maniera non convenzionale. Nei fumetti si è costretti dai margini delle vignette e i migliori disegnatori sono quelli che ti danno la sensazione di poterli infrangere. Sara è una di quei pochi.

Slott – Sara è clamorosa. Il suo lavoro su ogni testata a cui abbia collaborato, da Runaways a Guardians of the Galaxy, ma specialmente ogni singola pagina disegnata con Miles Morales protagonista, dimostra che è uno dei talenti più brillanti del Fumetto moderno. Non potrei essere più entusiasta di lavorare con lei e non vedo l’ora che i fan vedano i suoi Fantastici Quattro.

Cebulski – Dan Slott e Tom Brevoort non sono solo due dei più grandi Marvel fan viventi, ma i due maggiori esperti della storia Marvel che ci siano. Quando sono arrivati gli studi per il design dei costumi, Tom e Dan avevano idee molto precise su come fare riferimento alle divise originali, attraversando tutte le incarnazioni del gruppo. Persino nella scelta dei colori.

Fantastic Four #1, variant cover di Esad Ribic

Slott – I Fantastici Quattro sono super eroi, ma non si occupano semplicemente di fermare rapinatori di banca e affrontare associazioni criminali. Certamente si potrà contare su di loro se si presenterà un divoratore di mondi o se un mostro in stile Kirby inizierà a calpestare i palazzi della città. Ma, ciò detto, sono soprattutto degli esploratori, in viaggio verso nuovi pianeti, dimensioni e universi. Vivono per spingere più in là i limiti della scienza e dell’immaginazione. E, cosa più importante, per farlo assieme, come una famiglia.

Dopo gli eventi di Secret Wars e Infamous Iron Man, Victor Von Doom percorrerà sentieri nuovi, ma famigliari. Costruirà sulle ceneri di quel che è stato in passato e, così facendo, diverrà un Dottor Destino ancor più mortale, incompreso e incredibilmente iconico. State a vedere. L’attesa non sarà troppo lunga.

Abbiamo intenzione di mescolare vecchio e nuovo, di darvi un assaggio di quel che di buono c’è sempre stato e di regalarvi bizzarrie del tutto contemporanee. Ma sarò onesto: siamo stati lontani dai Fantastici Quattro per anni e non vedo l’ora di cominciare con una storia dal sapore assolutamente classico. Stan e Jack, Byrne, Simonson, Waid, Ringo, Hickman e tutti quelli che stanno nel mezzo. Ho grande affetto per ogni era che si è avvicendata sulla serie e tanta voglia di giocare con tutti gli elementi possibili.

Tutti noi, team creativo ed editoriale, daremo il massimo per onorare, rispettare e tenere a riferimento il potente retaggio di questi personaggi, impegnati nel contempo a proseguire la storia e a raccontarne nuovi capitoli.

 

 

Fonte: Marvel

 

Consigliati dalla redazione